In the dark, in the dark, in the dark.

Se fossi una persona meno pigra e, soprattutto, dotata di attrezzature e capacità adatte, vi mostrerei con un reperto fotografico quanto è buia e tempestosa questa mattina.
Immaginate l’oscurità più totale e il rumore costante e fitto del temporale che infuria su questo venerdì che attendevo con ansia.
Tra un paio di minuti dovrò affrontare tutto ciò per andare a lezione, quindi se non mi leggerete nei prossimi giorni sarà perché sono stata colpita da un albero, o da un fulmine, o perché sono annegata in una pozzanghera.
Vi lascio con un pezzo che amo e non ascoltavo da un po’, così almeno mi ricorderete per qualcosa di bello.

Annunci
Categorie: Imagine, Ordinary li(f)e, TheLondonAdventures | 2 commenti

Navigazione articolo

2 pensieri su “In the dark, in the dark, in the dark.

  1. E’ un fatto di riflessi, forse.
    Ti sei nascosta per tutto quel tempo, e allora istinto di sopravvivenza vuole che tu continui a farlo.
    Ma ora sei grande, no?
    E sei più coraggiosa, secondo me.
    Sei sopravvissuta a questo anno, alle lontananze, alle piccole cose che ogni tanto ti hanno fatto lo sgambetto.
    Groupie non di deve nascondere.
    Groupie è così bella che se ne deve stare allo scoperto.
    Oh.

    • No che non mi nascondo, dicevo questo. 🙂 Adesso che mi sono ritrovata, al diavolo i nascondigli, a meno che non si stia giocando, chiaro!

What d'you think about this?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: