A porte chiuse.

Guardo l’inizio dell’estate dalla finestra e quasi non me ne rammarico, quasi invidio il vociare sommesso di chi lo percorre, quasi non sento il richiamo del letto.
Quasi.
Avrei potuto chiamare due amici, proporre mete, cambiarmi e sfoggiare il sorriso da festa, ma questa serata l’ho voluta rinchiudere al freddo, in questa casa con dentro l’Autunno e il mio incedere accartocciato, come di foglia che cade.
Oggi mi basta il silenzio, tra gola e pensieri, mentre il resto finisce sullo sfondo, opaco e distante anche mentre mi inghiotte.

Annunci
Categorie: Beyond, Ordinary li(f)e | Lascia un commento

Navigazione articolo

What d'you think about this?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: