Giochiamo? :)

Sono stata chiamata in causa, dalla geniale VerbaSequentur , per portare avanti una catena di posts molto originale e allora eccomi qui, in questo lunedì sera solitario ed impregnato di sangue artificiale (C.S.I. on air).
Che poi io adoro queste cose, trascorrerei giornate intere rispondendo a domande di qualsivoglia tipo, mi ci tuffo a piene mani nelle cose inutili, mi entusiasmo veramente per poco, mica ho gusti difficili! u_u
Ma torniamo a noi.
Il giochino si svolge così:

  a) Elencare 11 cose di sé. (Cose di qualunque tipo, immagino.)
  b) Rispondere alle 11 domande che il tuo “taggatore” ha preparato per te.
  c) Inventare ulteriori 11 domande, da rigirare ad altri bloggers, taggandoli.

Che dite, iniziamo?

11 COSE DI ME:

  1. I miei pensieri hanno la colonna sonora. Non esiste un solo attimo della giornata in cui ci sia “silenzio” (dal punto di vista musicale, intendo) nella mia testa. Mentalmente, canticchio perennemente qualcosa.
  2. Penso e, spesso, sogno in Inglese. Anzi, Angloamericano, per la precisione. A volte faccio fatica a ricordare la traduzione italiana di alcuni termini e, mentre parlo, non mi rendo conto di pronunciare frasi spezzate in due diverse lingue. O_o
  3. Sono ossessionata dal Natale e, se domani mi svegliassi elfa si Santa Claus, mi sentirei finalmente realizzata. Adoro tutto ciò che è Natalizio, sento lo Spirito delle Feste già ad Agosto e mi decido a togliere gli addobbi solo verso la fine di Gennaio, soffrendo terribilmente.
  4. Colleziono tazze. Ne possiedo di ogni tipo, colore e misura e mi piace comprarne una in ogni posto che visito. (A parte che sono stata in Belgio due volte e l’ho dimenticato in entrambe le occasioni. -_-” ) Il solo tenere tra le mani una tazza calda e fumante, mi rende felice. Perciò, se proprio volete farmi un regalo, puntate su una tazza e andrete sul sicuro!
  5. Come ho già scritto diverse volte su questo blog, stilo liste. Sì, liste, elenchi… di QUALUNQUE tipo. Sia su carta (preferisco) che al pc o anche solo mentalmente. (Qualche giorno fa ho rischiato di finire sotto un autobus perché ero troppo concentrata a contare, tra me e me, i termini francesi d’uso comune nella lingua italiana. -_-” )
  6. Mi vesto male. Davvero, mi vesto male. O comunque mi vesto male per essere una “donna” di 25 anni, ecco. Mi ostino a comprare vestiti da ragazzina (anche perché sono nana e mi stanno anche bene.), oscillando tra lo stile da bambola (merletti, pois, fiocchetti, tulle…) e quello da barbona (vestiti deformi e logori, fondamentalmente.), per poi sorprendermi e lamentarmi quando la gente non mi prende sul serio.
  7. Quando dormo da sola, ho bisogno di abbracciare un pupazzo (che scelgo a seconda di com’è andata la giornata. Sì, ho 5 anni.), se invece c’è qualcuno a letto con me, allora no, anche se non c’è alcun contatto con l’altra persona.
  8. Ho problemi allo stomaco dal 2001. Ho trascorso buona parte degli anni del liceo tra ospedali e studi medici, provando terapie di ogni tipo e raggiungendo risultati quasi nulli, finché non ho deciso di lasciar perdere. Ho imparato a convivere con il dolore perenne che mi porto dentro e che ha cambiato molte cose di me, dalla postura alle abitudini alimentari.
  9. Ho la fobia dei topi. Non semplice paura o disgusto, una vera e propria fobia. Mi sento fisicamente male anche solo vedendone una foto e giuro che “Ratatouille” per me è stato un film horror e, guardandolo, ho dovuto bloccare il dvd diverse volte, per farmi coraggio. Sono arrivata al punto di bloccarmi per strada e piangere solo all’idea di attraversare un vicolo in cui temevo di poterne incontrare. Non è sempre stato così, è iniziato tutto qualche anno fa e vorrei capirne il perché.
  10. Quando esco di casa senza un libro in borsa, non mi sento del tutto tranquilla, anche se so che non avrò tempo di leggere.
  11. Quando mi trovo sui mezzi pubblici, mi piace immaginare la vita delle persone che incontro, partendo da discorsi captati qua e là o da piccoli particolari.

LE 11 DOMANDE DI VERBASEQUENTUR:

  1.  Se potessi far sparire un oggetto dal mondo, dalle ballerine alle pistole alle posate da insalata, quale oggetto sarebbe?: I soldi! Sono fermamente convinta che si dovrebbe tornare al baratto, per avere un mondo migliore.
  2. Domani arriva un alieno e ti dice che puoi scegliere due persone da ri-incontrare nella prossima vita (si ringrazia Milan Kundera per l’idea): chi ri-incontri?: Sicuramente M., perché, come gli dico sempre, è la mia Persona Preferita. 🙂 E poi mio padre, per conoscerci in modo diverso, magari senza il peso dei ruoli.
  3. La canzone che non ti hanno dedicato e avrebbero proprio dovuto?: “Doll Parts” delle Hole.
  4. Ti senti proprio figa/o quando fai…?: Quando sono sul palco, perché si spengono le paure. E quando faccio parte dello staff di qualche evento, di qualunque tipo sia.
  5. Quali sono le prime tre cose che fai di mattina?: Sorrido ad M. che mi saluta; accarezzo Morgan; preparo il caffè.
  6. Ti senti più Super chef, pastasciuttaro nella media o divoratore di surgelati?: Direi pastasciuttara nella media, ma con picchi da Super Chef, se ho gli ingredienti giusti, la fantasia non manca! Mi piace cucinare, ma solo per gli altri e soprattutto dolci.
  7. La critica che ti fanno più spesso: Mi dicono che sono troppo polemica… e hanno anche ragione! 😛
  8. La critica che muovi più spesso agli altri: Trovo che le persone siano troppo ignoranti e che prendano tutto troppo sul serio, tranne ciò che dovrebbero.
  9. C’è qualcosa che ti fa sentire assolutamente e completamente te stesso?: Scrivere. E sentirmi a Casa.
  10. C’è qualcosa che ti fa sentire una merda, ma che ti costringi a fare comunque?: Omettere quello che so, per proteggere alcuni rapporti.
  11. Primo passo sì, primo passo no?: Primo passo per forza, direi! E’ dal primo passo che comincia qualunque viaggio, no? Ed io amo viaggiare. 🙂

E STASERA IO PASSO IL TESTIMONE A VOI:

Claudiappì

The Importance of Being Improbable

UpClose

LE MIE 11 DOMANDINE:

  1. In chi e/o cosa vorresti reincarnarti?
  2. Quale stanza della casa ti rappresenta maggiormente?
  3. Per un solo giorno, hai la possibilità di diventare del sesso opposto al tuo: cosa faresti?
  4. In quale film avresti voluto recitare?
  5. Quale insolito animale domestico ti piacerebbe adottare?
  6. I 5 oggetti che definiscono il tuo stile sono…?
  7. Qual è il tuo primissimo ricordo di vita?
  8. Qual è la cosa più cattiva che tu abbia mai fatto?
  9. Perché hai aperto un blog?
  10. Se avessi il potere di cambiare il colore di qualcosa esistente in natura, cosa sarebbe e perché?
  11. Chi vorresti che interpretasse il tuo ruolo, in un ipotetico film sulla tua vita?

Enjooooy it! 😉

Annunci
Categorie: Ordinary li(f)e, Somebody told me | 7 commenti

Navigazione articolo

7 pensieri su “Giochiamo? :)

  1. Pingback: Claudiappì | Scateno

  2. Pingback: Scateno « Claudiappì

  3. *____________________* test!

  4. Uh, ma che bello. A volte tirano fuori catene davvero carine.
    Metto un bel bookmark e appena ho tempo lo faccio, grazie per il testimone! 😉

  5. che brutta quella faccenda dello stomaco, il tecnologico ne soffre a sua volta, anche lui dal liceo, a volte è veramente invalidante.
    l’ossessione 5 l’abbiamo in comune, una volta ho rischiato di tamponare un autobus mentre stilavo a mente l’elenco “canzoni italiane il cui titolo è un nome di donna”.
    sulla 6 e sulla 7…. ho riso forte 😀

What d'you think about this?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: